Prenota il tuo soggiorno

Arrivo

Partenza

Camere

1-+

Adulti

2-+

Bambini

0-+

Età 1° bambino

1-+

Età 2° bambino

1-+

Età 3° bambino

1-+

Hai un Codice Speciale?

Perchè prenotare con noi

  • Miglior tariffa garantita
  • Bambini gratuiti sino a 12 anni
  • per prenotazioni online: 10% di sconto sui percorsi Equilibrium

Vuoi ricevere una proposta di soggiorno personalizzata?

Inviaci la tua richiesta
← Back to top

L’arco delle tre naiadi

Quando entrate nel viale di Fonteverde, probabilmente la prima cosa che attirerà il vostro sguardo sarà un arco trionfale. Sorge da solo nei giardini, fra l’edificio del portico e il panorama della valle. È un arco triplice, snello e poderoso. È fatto di mattoni rossi e sembra essere qui da sempre. Ricorda le arcate degli acquedotti romani e le forme degli archi di trionfo. Spicca sul paesaggio, fa da cornice e da punto di vista per osservare la valle.

Mostra i segni del tempo: è retto da sostegni, e pende all’indietro, come se volesse poggiarsi al declivio verso l’altura.

Eppure non è così antico. Cercando nella storia di Fonteverde si scopre che l’arco è stato costruito attorno al 1931, ha giusto novant’anni. Un’età venerabile per una persona, un tempo non così lungo per un’architettura.

Nei progetti di allora sotto gli archi doveva sorgere una fontana ornata dalle statue di tre donne, o forse tre naiadi, che si bagnano insieme in una vasca. Sarebbe stata la realizzazione nel marmo, in tre dimensioni, dello stendardo di San Casciano, che a sua volta riprende un antichissimo sigillo.

Tre donne soprannaturali, che si bagnano giocando insieme, fanno pensare che sia esistita una leggenda oggi perduta. Che qualcuno, in tempi lontani, abbia raccontato di aver incontrato le ninfe delle fonti. Niente di più facile in un luogo incantato come questo, dove già gli etruschi venivano a bagnarsi e a cercare la guarigione alle fonti termali.

L’arco non ha memoria di questo, è venuto dopo. Ma chi lo ha disegnato e costruito lo ha fatto pensando alle tre naiadi della sorgente, alla storia lunghissima di questa fonte.

Ai pellegrini della Via Franchigena che sostavano qui e loro malgrado sentivano nell’acqua calda e rinfrancante qualcosa che li attirava e li spaventava, di pagano e di magico.

 

Le fonti hanno loro un respiro caldo e vaporoso. Se vi sveglierete appena prima dell’alba, vedrete una coltre di vapore che si poggia sul verde del parco, e ondeggia piano.

Allora per qualche minuto il triplice arco di mattoni vi sembrerà poggiato sulle nuvole, davanti alla valle.

È facile in quel momento vedere qualcosa che si muove sotto le arcate. La brezza che muove gli sbaffi del vapore, certamente. Oppure tre bellissime donne eternamente giovani, tre ninfe guardiane della fonte, che giocano invisibili nell’acqua tiepida. Felici.

Lasciati ispirare dalle nostre offerte

Prenota la tua vacanza con noi

Arrivo

Partenza

Camere

1-+

Adulti

2-+

Bambini

0-+

Età 1° bambino

1-+

Età 2° bambino

1-+

Età 3° bambino

1-+

Hai un Codice Speciale?

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.